Ancientworldbooks.com

Quick Search

Author
Title
Description
Keyword
 
 
Gift Card
Checkout a Gift Card


 
 
 

Sacerdoti, Arianna Listings

If you cannot find what you want on this page, then please use our search feature to search all our listings.

Click on Title to view full description

 
1 Sacerdoti, Arianna NOVUS UNDE FUROR Una Lettura Del Dodicesimo Libro Della Tebaide Di Stazio
Fabrizio Serra Editore 2012 8862274521 / 9788862274524 Softcover Very Good+ in Very Good- dust jacket 
Two bumps along top edges of wraps. Light creasing to corners. One small closed tear (1cm) to top edge of DJ. Very Light moisture stains to bottom edge of front panel of DJ. ; Il ritorno dell'interesse sul poeta (Publio Papinio Stazio) che negli anni di Domiziano indirizz la sua maggiore opera all'epos tragico tebano (La Tebaide, che racconta della lotta fratricida tra Eteocle e Polinice per la successione al trono di Tebe) , trova molteplici spiegazioni negli studi che si sono sviluppati sull'onda di un rinnovato interesse per la letteratura dell'et flavia. La Tebaide stata, negli ultimi decenni, oggetto di un ricco dibattito focalizzato sulla complessit ideologica e letteraria dell'opera. Sull'onda degli studi sulla lingua inquieta del racconto epico, la scelta dell'autore stata quella di analizzare gli 819 versi che costituiscono il dodicesimo e ultimo libro. Esso propone infatti la riapertura inaspettata di un conflitto che sembrava risolto e che si dirama in numerose trame del racconto. La tensione tra Eteocle e Polinice; tra due stirpi, quella argiva e quella tebana; tra il 'maschile' e il 'femminile'; tra Creonte e Teseo; tra la pace e la guerra; tra il furor e l'armonia dell'equilibrio, tra il pianto del luctus e la gioia sfrenata, che sembrano coesistere con sinistri accenti di inquietudine negli ultimi versi della narrazione. La lingua si fa specchio e cassa di risonanza di una polisemia e di polarit non risolte: attraverso gli strumenti retorici della negazione, dell'enallage, dell'uso allusivo di alcuni lessemi, Stazio veicola un potenziale di ambiguit stilistica che riflette il disordine di un cosmo non pacificato. La prospettiva filologica, sulla quale basato questo lavoro, rivendica alla lingua un livello di sapere profondo, che permea insieme l'ideologia, la costruzione dei personaggi, la trama delle ricche relazioni intratestuali e intertestuali. La lettura di questo 'canto' della Tebaide interessa quindi intimamente il senso ultimo dell'epos tutto, contribuendo alla formazione di ipotesi sulla sua struttura, sulla sua composizione e sul suo messaggio di fondo. ; Altera 2; 194 pages 
Price: 72.00 USD
Add to Shopping Cart
 
 
2 Sacerdoti, Arianna NOVUS UNDE FUROR Una Lettura Del Dodicesimo Libro Della Tebaide Di Stazio
Fabrizio Serra Editore 2012 8862274521 / 9788862274524 Softcover Near Fine in Near Fine dust jacket 
Very light shelfwear to book and DJ. ; Il ritorno dell'interesse sul poeta (Publio Papinio Stazio) che negli anni di Domiziano indirizz la sua maggiore opera all'epos tragico tebano (La Tebaide, che racconta della lotta fratricida tra Eteocle e Polinice per la successione al trono di Tebe) , trova molteplici spiegazioni negli studi che si sono sviluppati sull'onda di un rinnovato interesse per la letteratura dell'et flavia. La Tebaide stata, negli ultimi decenni, oggetto di un ricco dibattito focalizzato sulla complessit ideologica e letteraria dell'opera. Sull'onda degli studi sulla lingua inquieta del racconto epico, la scelta dell'autore stata quella di analizzare gli 819 versi che costituiscono il dodicesimo e ultimo libro. Esso propone infatti la riapertura inaspettata di un conflitto che sembrava risolto e che si dirama in numerose trame del racconto. La tensione tra Eteocle e Polinice; tra due stirpi, quella argiva e quella tebana; tra il 'maschile' e il 'femminile'; tra Creonte e Teseo; tra la pace e la guerra; tra il furor e l'armonia dell'equilibrio, tra il pianto del luctus e la gioia sfrenata, che sembrano coesistere con sinistri accenti di inquietudine negli ultimi versi della narrazione. La lingua si fa specchio e cassa di risonanza di una polisemia e di polarit non risolte: attraverso gli strumenti retorici della negazione, dell'enallage, dell'uso allusivo di alcuni lessemi, Stazio veicola un potenziale di ambiguit stilistica che riflette il disordine di un cosmo non pacificato. La prospettiva filologica, sulla quale basato questo lavoro, rivendica alla lingua un livello di sapere profondo, che permea insieme l'ideologia, la costruzione dei personaggi, la trama delle ricche relazioni intratestuali e intertestuali. La lettura di questo 'canto' della Tebaide interessa quindi intimamente il senso ultimo dell'epos tutto, contribuendo alla formazione di ipotesi sulla sua struttura, sulla sua composizione e sul suo messaggio di fondo. ; Altera 2; 194 pages 
Price: 72.00 USD
Add to Shopping Cart
 
 

 


Questions, comments, or suggestions
Please write to [email protected]
Copyright©2020. All Rights Reserved.
Powered by ChrisLands.com

 

 

cookie